Il Glossario del videogiocatore e dell'internautaVideogame

Tra imprecazioni e scherzi esagerati

Salve viandanti della rete,

che si dice questa settimana?

Tra gente che viene arrestata perché sospettata di terrorismo mentre gioca a counter strike e stars del cinema e della televisione che senza alcun preavviso si vedono spiattellate in rete le proprio foto hot, direi che questa settimana è iniziata proprio con il botto.

Oggi andiamo ad approfondire qualche termine protagonista dell’attualità.

Iniziamo!

 
WTF:
Letteralmente “What the f***k”.
Traducendo con un minimo di autocensura, il significato di questo acronimo è “Ma che diavolo!”.

Nato nelle chat dei videogame online, dove ogni secondo rappresenta una possibilità di perdere e la frenesia porta ad abbreviare qualsiasi cosa,  ultimamente questo tipo di terminologia si è diffusa a macchia d’olio anche sui social, sulle vignette di Facebook e nei video su Youtube.

Tra le varianti potreste anche trovare “WTH”, “WTS”… a voi scoprirne il significato 😉

 

BRB:
Acronimo di “be right back”, letteralmente “torno subito”.

Anche in questo caso ci troviamo davanti a un termine nato nel gioco online, che poi si è diffuso sui social.
Può capitare a tutti di essere intenti in una partita con gli amici e di doversi assentare qualche minuto, quale occasione migliore di usare BRB?

La prossima volta che siete in chat su Facebook e dovete scappare in bagno, sapete cosa scrivere!

 

Swatting:
Eccoci ad analizzare un termine che recentemente ha creato un bel po’ di controversie.

Con “Swatting” s’intende quella pratica con cui si traccia l’indirizzo IP di una persona, se ne ricava l’indirizzo della sua abitazione e i dati personali e si usano queste informazioni per chiamare la polizia, spacciarsi per la persona a cui si è rubato l’identità dichiarandosi un terrorista, un pazzo omicida o qualsiasi altra cosa che metta in serio allarme le forze dell’ordine, tanto da far entrare in campo le forze speciali.

Dite un po’, vi pare un qualcosa di esagerato?
Beh, sono d’accordo con voi, peccato che da qualche mese a questa parte, gli episodi di Swatting si sono moltiplicati a dismisura.
Attenzione però, se pensate che possa essere uno scherzo divertente, vi sconsiglio di tentare di emulare questa burla.
Proprio ieri, uno dei ragazzi che ha fatto questa spacconeria è stato condannato a 25, no dico, a VENTICINQUE anni di reclusione. 

Siete curiosi di vedere uno Swatting in azione? Vi lascio con un video che parla da se…


Bene, anche per questa settimana abbiamo finito… Se avete richieste, commenti o volete esprimere la vostra opinione su questo dizionario online, non esitate a contattarmi! 😉

 

Post precedente

Carnevale di Notting Hill

Post successivo

Paranoia Agent, l'anime specchio della psicosi collettiva

Gabriele Cordelli

Gabriele Cordelli

Nerd, Geek e forse anche un po' Otaku!
Insomma, quando si parla di creatività non mi tiro mai indietro, specialmente se c'è da condividere ;)

Nessun Commento

Facci sapere cosa ne pensi, dai voce alle tue opinioni ;)