La macchina dei pensieri

Je suis Charlie

“Voi, i cristiani, gli ebrei, i musulmani, i buddisti, gli scintoisti, gli avventisti, i panteisti, i testimoni di questo e di quello, i satanisti, i guru, i maghi, le streghe, i santoni, quelli che tagliano la pelle del pistolino ai bambini, quelli che cuciono la passerina alle bambine, quelli che pregano ginocchioni, quelli che pregano a quattro zampe, quelli che pregano su una gamba sola, quelli che non mangiano questo e quello, quelli che si segnano con la destra, quelli che si segnano con la sinistra, quelli che si votano al Diavolo, perché delusi da Dio, quelli che pregano per far piovere, quelli che pregano per vincere al lotto, quelli che pregano perché non sia Aids, quelli che si cibano del loro Dio fatto a rondelle, quelli che non pisciano mai controvento, quelli che fanno l’elemosina per guadagnarsi il cielo, quelli che lapidano il capro espiatorio, quelli che sgozzano le pecore, quelli che credono di sopravvivere nei loro figli, quelli che credono di sopravvivere nelle loro opere, quelli che non vogliono discendere dalla scimmia, quelli che benedicono gli eserciti, quelli che benedicono le battute di caccia, quelli che cominceranno a vivere dopo la morte…
Tutti voi,
che non potete vivere senza un Babbo Natale e senza un Padre castigatore.
Tutti voi,
che non potete sopportare di non essere altro che vermi di terra con un cervello.
Tutti voi,
che vi siete fabbricati un dio “perfetto” e “buono” tanto stupido, tanto meschino, tanto sanguinario, tanto geloso, tanto avido di lodi quanto il piu’ stupido, il piu’ meschino, il piu’ sanguinario, il piu’geloso, il più avido di lodi tra voi.
Voi, oh, tutti voi
NON ROMPETECI I COGLIONI!
Fate i vostri salamelecchi nella vostra capanna, chiudete bene la porta e soprattutto non corrompete i nostri ragazzi.
Non rompeteci i coglioni!”

François Cavanna (uno dei fondatori di Charlie Hebdo)

 

Un gesto barbaro, inspiegabile e vile. Difficile non provare odio verso persone che vivono una vita grama, costruita su un ideale sbagliato e ingiusto; un gesto incomprensibile già all’epoca delle Crociate del XI secolo, figurarsi nel 2015, nell’era digitale, nell’era della “mondialità”.

Theideasmachine si schiera a favore della libertà di parola, di espressione, di stampa e contro i barbari assassini mossi dalle parole travisate di un testo scritto milioni di anni fa.

 

Post precedente

Fermi tutti, questo singolo spacca!

Post successivo

L'arte non si compra, si vive: Big Eyes

La Redazione

La Redazione

Un webzine che parla di arte, viaggi, moda e videogames.
Salta anche tu sulla macchina delle idee!

Nessun Commento

Facci sapere cosa ne pensi, dai voce alle tue opinioni ;)