La macchina dei pensieri

Imparare nel 2015 – I nuovi metodi

Qualche settimana fa, esattamente in [questo articolo], abbiamo visto alcune tra le app più portentose e interessanti per imparare una nuova lingua.

 

Com’è andata? Avete già provato? Mi raccomando, non arrendetevi. Capisco che all’inizio, come ogni nuova sfida, la strada possa sembrare dura e sempre in salita, ma lo state facendo per voi stessi e perché amate l’idea di conoscere qualcosa di nuovo, quindi non gettate la spugna!

 

Immagino ne abbiate a sufficienza di app per imparare, studiare, fare, e chissà cos’altro. Siccome vi voglio molto bene, anche oggi vedremo delle applicazioni che servono proprio a questo: imparare robe nuove! Robe non è la parola adatta? Pensate di nuovo! Credo sia un termine più che legittimo per il tipo di applicazioni che andremo a vedere.

 

Una piccola nota di sottofondo per assicurarsi che tutti capiscano: alcune di queste applicazioni sono sì trovabili sull’App Store, Google Store, Windows Store e tutti gli Store del mondo, ma sono anche pensate per essere utilizzate più propriamente attraverso piattaforme Desktop, Laptop o Netbook (la differenza sta in quanto è difficile portarselo sotto braccio).

Queste App prendono quindi il nome di WebApp.

Per un esempio concreto vedi Facebook o Twitter prima che diventassero applicazioni per cellulare.

 

Avete mai sentito parlare di MOOC? È un acronimo e sta per Massive Open Online Courses. Si mangiano? No, però si possono imparare un sacco di cose nuove!

Di piattaforme MOOC se ne possono trovare talmente tante di questi tempi che citarle tutte, o persino citare solo le più importanti, diventa improbabile e improponibile. Quindi come fare? Semplice, renderò note le MOOC che ho personalmente provato e che ho preferito. Un po’ di parte? Può darsi, ma si è sempre in tempo per cercare cose nuove, una volta che si conoscono i termini di ricerca giusti! (Spoiler alert: Google is indeed your friend, [http://lmgtfy.com/?q=Lista+MOOC])

 

Rullino i tamburi, squillino le trombe, partano venti video in simultanea da Youtube!

Udacity, Udemy, TutsPlus, Coursera, EdX, MVA, Treehouse, CodeSchool, Codeacademy.

I nomi qui sopra sono solamente alcuni dei corsi che reputo migliori! Sinceramente non basterebbero dieci articoli per spiegare bene ogni singolo MOOC che reputo tra i migliori!

 

Nel prossimo articolo entreremo nei dettagli di queste piattaforme d’apprendimento, e ammetto che il più delle app che ho citato servono per specializzarsi nelle discipline delle scienze computazionali o nelle tecnologie software e web, però se aprite qualche pagina Google, noterete la presenza di moltissimi corsi con i più disparati argomenti!

 

  • Codecademy: il corso d’entrata, quello che ti tiene per mano e con tutta la calma del mondo t’insegna le basi di ciò che a oggi è noto come WEB DEVELOPMENT. Mai sentito parlare di HTML, CSS, JAVASCRIPT, RUBY, PHP, PYTHON? Le basi le potete imparare tutte su Codecademy. Se già conoscete questi linguaggi, Codecademy vi rinfrescherà la memoria! 
  • Udacity: una scuola a tutti gli effetti. Le possibilità sono molte, i percorsi ancora di più. I corsi sono gratuiti, con possibilità di iniziare un programma a pagamento che ha il nome di nanodegree. È una mini-laurea più che altro riconosciuta in quel degli USA. A ogni modo, i corsi sono gratuiti e gli esami uguali sia per paganti che per non paganti. Ottima piattaforma per tutti i livelli, vengono affrontati argomenti sulla tech industry, machine learning, app development, web development, robotica, software engineering. Questo è il mio go-to per qualsiasi nuovo argomento e i corsi hanno un range che va da entry level a master.
  • EdX: questo è un caso veramente particolare e che va visto con attenzione. EdX è stato fondato dalle maggiori università americane, tutte unite nella Ivy League. Harvard, MiT, Brown, Columbia, Yale, Princeton e così via. Insomma, quelle dove si paga la retta quanto un appartamento in centro Firenze. Questo è uno di quei MOOC dove si possono trovare corsi di tutti i tipi, dalla programmazione a come imparare il cinese, dall’algebra lineare alla biologia, e questi corsi sono tutti ripresi dalle lezioni svolte presso le maggiori università americane. Sì, studierete le stesse cose che vengono insegnate a quelli di Harvard. Sì, esiste una pagina con i voti. Sì, sono corsi con certificato riconosciuto. Di nuovo, sì, sono gratuiti.

  

In un prossimo articolo vedremo altri MOOC, applicazioni e molto altro, quindi tenetevi forte e aspettate le novità! Spero che l’articolo vi sia piaciuto e che stiate già cercando il corso più adatto a voi e alle esigenze che avete. Se avete qualche domanda o volete disturbare incessantemente la capo-redattrice, mandate le vostre lamentele all’e-mail della redazione! Se vi è piaciuto l’articolo, commentate e condividete!

 

Post precedente

Il castello errante di Howl parte II: tra bildungrsoman, steampunk e Lord Byron

Post successivo

Purtroppo ti amo: silenziose fotografie di una Siena inedita

Lorenzo Pieri

Lorenzo Pieri

Ciao! Il mio nome è Lorenzo e sono un pirata dei sette mari, anche se amo fingermi una Khaleesi portando sulle spalle la mia piccola draghetta barbuta (donna barbuta sempre piaciuta!).
Sono attualmente "arruolato" presso l'università degli studi di Pisa, sotto la facoltà di INFORMATICA UMANISTICA, e mi sto preparando, giorno dopo giorno, per diventare un Full-Stack Web Developer
ed eliminare la tirannia dei bad designs e dei table designs (ebbene sì, i design anni 90 continuano a esistere.)
Se volete contattarmi, mandarmi una lettera con 1000€ o semplicemente leggere le stupidaggini che dico, potete trovarmi qui:

Nessun Commento

Facci sapere cosa ne pensi, dai voce alle tue opinioni ;)