Arte

H.R. Giger – l’artista visionario crea (non solo) Alien

Chi era il padre di Alien?

Uno scultore, un pittore, un designer svizzero d’ispirazione surrealista, biomeccanica e simbolica.

Un’ispirazione che parte dall’universo inquietante di William Blake e che, probabilmente, accarezza la visione surreale e mistica dei primi fiamminghi come Hieronymus Bosh, fino ad arrivare all’arte dei preraffaelliti e all’arte contemporanea dell’emblematico surrealismo di Salvador Dalì e al realismo fantastico di Ernst Fuchs.

  • Disegni

I disegni di H.R. Giger sono cupi ed evocativi dove sensualità, irrealtà e terrore convivono in vere e proprie fotografie di un mondo tenebroso, mistico e oscuro. Personaggi dormienti o in atto di metamorfosi, raccontano storie e universi a noi sconosciuti e, forse, anche incomprensibili. 

Curiosità

Sono moltissimi i disegni con riferimenti erotici e sensuali. Qualche esempio? Guarda la galleria!

  • Sculture

Anche le sue sculture non potevano che incarnare l’emblema dell’irreale e disturbante mondo che unisce il fantascientifico al meccanico. Gli esempi che balzano di più alla mente sono le sculture ispirate ad “Alien”.

Asta del microfono di  Jonathan Devis

Nel 1998 Giger ha anche realizzato la famosa asta del microfono del frontman dei Korn: un’erotica donna nuda biomeccanica che ha fatto letteralmente innamorare il cantante. Fondamentalmente, un pezzo d’arte funzionale.

 

Fra parentesi, per quanto sia, a mio parere, estremamente disturbante, lo adoro! Adoro come un uomo possa avere una visione così nitida di un mondo irreale e riproporlo nelle varie sfaccettature dell’arte, nella sua più totale poliedricità. Nonostante apprezzi molto di più il mondo steampunk, trovo l’universo cyberpunk e biomeccanico di Giger estremamente affascinante… Anche se non vorrei mai svegliarmi con un poster/disegno di un suo lavoro appeso alla parete!

 

Vuoi scoprire come l’arte visionaria di Giger ha influenzato il panorama dell’alta moda? Clicca qui per saperne di più!

Post precedente

La visione di H.R.Giger nella moda di Alexander McQueen

Post successivo

La mia Olimpiade [parte 1]

Giulia Farsetti

Giulia Farsetti

Nata nel 1989, sono laureata in Cinema Musica e Teatro e attualmente mi divido fra le mie varie passioni: l’arte, il cinema, l’attualità e la scrittura. Ecco quindi la nascita di questo blog, che altro non è che un sublime connubio dei miei interessi.
Avrei gradito la presenza di un centinaio di cloni per diventare surfista, astronauta, venditrice di zucchero filato, lettrice professionista… La verità è che loro esistono, ma non siamo venuti ancora in contatto. Sto attendendo.

Nessun Commento

Facci sapere cosa ne pensi, dai voce alle tue opinioni ;)