Nella terra dei canguri: AustraliaViaggiVite dall'estero

Atterraggio nella terra dei canguri

Dopo il mio volo interminabile con scalo ad Abu Dhabi, sono finalmente e felicemente atterrata nella terra dei canguri. Il passaggio è stato notevole: da estate a inverno, da caldo a freddo, dalla luce al buio. L’impatto cambia da persona a persona, il mio è stato semplicemente “Wow”.

Attimi di Burocrazia. La prima cosa che ho fatto dopo essermi ripresa dal jetlag è stata quella di sbrigare le faccende burocratiche: comprare una SIM australiana (tra le maggiori compagnie telefoniche ci sono la Telstra e Optus ), aprire un conto in banca (basta avere il passaporto con sé e andare in una delle principali banche come la Commonwealth, la Westpac o la ANZ. Per chi mastica un po’ di inglese è possibile anche aprire il conto in banca e versare dei soldi direttamente dall’Italia prima dell’arrivo) e richiedere il TFN, Tax File Number, corrispondente australiano del nostro codice fiscale che servirà per farvi pagare regolarmente dal datore di lavoro e a pagare le tasse.
Una volta fatti questi primi passi mi sono trovata pronta a cercare il mio primo impiego in terra australiana.

 

Vuoi sapere com’è andata? Fra qualche giorno vi svelerò tanti piccoli consigli per cercare (e trovare) lavoro in Australia! Se ti sei perso “I (miei) primi passi verso l’Australia”, clicca qui e scopri tante informazioni utili! 😉

 

Post precedente

Intervista a Cesare, musicista a 360°

Post successivo

Winter Wonderland

Ilenia Caia

Ilenia Caia

Mi chiamo Ilenia, nata a Belluno da genitori siciliani e trasferita a Milano dal 2009. Diciamo che il viaggio e le diverse culture erano già nel mio DNA. Sono stata una studentessa di Mediazione Linguistica e ora studio Comunicazione e Media Management a Milano. Mi piace scrivere, ma la mia vera passione rimangono le lingue straniere, i viaggi e le avventure.
Viaggiare viaggiare e ancora viaggiare, posso farlo come lavoro??

Nessun Commento

Facci sapere cosa ne pensi, dai voce alle tue opinioni ;)